NOTIZIE DAL MONDO Let’ s talk about cleaning
IN EVIDENZA
MercatoAziende & Prodotti

L’Italia dei distributori del cleaning – We Italia

We Italia è una realtà che agisce sul territorio nazionale come referente di grandi utenti anche internazionali. I principi cardine del gruppo sono efficienza, efficacia e competenza

I mercati stanno cambiando. Non è ancora chiaro come si assesteranno, ma i movimenti ci sono, sia a livello manifatturiero, sia a livello di distribuzione. Anche nel comparto distributivo del cleaning c’è fermento e si assiste al riposizionamento di numerose realtà. Un fenomeno interessante è costituito da We Italia, una SRL – e qui sta la prima grande novità – di distributori del cleaning professionale, nata con questo assetto nel 2012 dall’unione dei due raggruppamenti “storici” del mercato italiano: Eurocom e Masterteam. Ma se i gruppi originali erano nati per affrontare una concorrenza che, grazie alla globalizzazione e alla delocalizzazione, rincorreva prezzi sempre più bassi, oggi il senso dell’aggregazione si è evoluto. “We Italia non è solo un collettore di ordini che gioca sulle economie di scala – afferma il General Manager Simone Bertocci – ma una realtà operativa che ha l’ambizione di essere “partner, a livello nazionale e internazionale, di soggetti complessi”. Una realtà composta da 34 soci e 3 concessionari, che coprono capillarmente pressoché tutto il territorio italiano, con un giro d’affari aggregato di 136 milioni di euro e 200 articoli a marchio proprio – tra carta, detergenti e linea cortesia – .

Quale differenza c’è tra soci e concessionari?
“Prima di diventare soci effettivi – spiega Bertocci -, c’è l’esigenza di “militare” due anni come concessionari “perché occorre entrare nello spirito del gruppo, condividerne i principi, le dinamiche, le metodologie, operando una sorta di rivoluzione culturale rispetto al semplice ruolo del dealer”.

We Italia opera prevalentemente in Italia ma guarda ad orizzonti molto più ampi.
“Siamo membri di DHYS (Distribution in Hygiene Specialist) – conferma il General Manager – una delle principali associazioni commerciali internazionali per la pulizia professionale, attualmente composto da sette importanti gruppi europei distributivi – GVS Group (Germany), GEH Groupe Europe Hygiène (France), Grupo DINO (Spain), We Italia (Italy), Europap (Slovenia), Socious (Uk e Irlanda) ed Eurosan (Bosnia e Macedonia) – i cui membri sono circa 100 società a gestione familiare in 18 paesi. In altre parole, siamo parte di un network che ci permette di operare, come referente italiano, con clienti internazionali. Siamo reduci, infatti, da una trattativa congiunta con una multinazionale di cui saremo gli interlocutori per il nostro paese”.

We Italia non è solamente un collettore di ordini. Che significa?
“Che operiamo sia sul fronte degli acquisti, sia sul fronte delle vendite. Ci proponiamo ai grandi utilizzatori finali (catene, gruppi di acquisto etc..) come referente unico per la fornitura di prodotti, ma anche per consulenza a tutto tondo, che effettuiamo in loco, sulla base della realtà con cui ci confrontiamo. Ci proponiamo con nostro personale qualificato, coordinato da un National Key Account che tiene le relazioni a trecentosessanta gradi con i grandi utenti finali, che hanno bisogno di essere assistiti sia a livello nazionale che a livello locale. Stiamo organizzando corsi di formazione specifici per creare figure professionali che possano interagire a tutti i livelli e con tutti i soggetti della filiera”.
Non solo, We Italia, oltre a proporre il suo marchio per determinati prodotti, ha creato un team di fornitori strategici e preferenziali per tutte le sotto categorie merceologiche del cleaning. Le parole d’ordine sono consulenza, efficienza ed efficacia, nonché rapidità di valutazione e decisione, disponibilità a essere presenti ovunque sia necessario. E per rispondere a questi requisiti We Italia sfrutta al massimo le opportunità della digitalizzazione, che l’era della quarta rivoluzione industriale sta offrendo a chi sa coglierle. “Dobbiamo essere connessi con tutto il nostro mondo di riferimento – afferma Simone Bertocci – altrimenti rischiamo di fermarci. In un tempo di rapidissime trasformazioni come quello attuale, chi si ferma è davvero perduto”. Il gruppo ha colto l’occasione per cambiare anche l’immagine comunicativa, che, grazie all’utilizzo di icone chiare e intuitive, risulta di immediata comprensione e capace di trasmettere i principi e la filosofia che We Italia mette in atto: Global network, local service – Rete globale, servizio locale.
www.we-italia.it

Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close