NOTIZIE DAL MONDO Let’ s talk about cleaning
IN EVIDENZA
Dieci punti per mettere le Pmi al centro dell’agenda europea
News

Dieci punti per mettere le Pmi al centro dell’agenda europea

SmeUnited, l’Organizzazione europea dell’artigianato e delle Pmi, ha stilato un “memorandum” in vista delle elezioni europee

In vista delle elezioni europee del prossimo maggio, SmeUnited – l’Organizzazione europea dell’artigianato e delle Pmi, di cui Confartigianato è membro fondatore ha stilato un “memorandum” con la lista delle priorità per mettere l’artigianato e le piccole e medie imprese al centro dell’agenda politica.

Un decalogo rivolto a chi guiderà le istituzioni europee, accompagnato da un monito preciso: bisogna ripartire dalla realtà del tessuto produttivo e dagli impegni assunti nei confronti delle Pmi con lo “Small Business Act” e l’idea-guida “Pensare anzitutto al piccolo” (Think Small First) – una declinazione del principio di sussidiarietà.

Luca Crosetto, Delegato di Confartigianato all’Europa e vice Presidente di SmeUnited, spiega gli obiettivi dell’iniziativa:

SmeUnited ha voluto lanciare una campagna che evidenziasse le richieste delle Pmi e dell’artigianato in Europa. La campagna è stata presentata il 21 febbraio al Parlamento europeo ed è collegata a una campagna social che nelle prossime 10 settimane toccherà i 10 temi che ci stanno a cuore. La campagna si concluderà con una Settimana della Pmi in tutti gli Stati che sono rappresentati in SmeUnited e durante la quale si svolgeranno confronti con i candidati alle elezioni europee sulle nostre priorità. Confartigianato, sin dalla nascita di Ueapme – che oggi si chiama SmeUnited – ha dedicato gran parte del suo impegno a riaffermare l’importanza dell’artigianato e delle Pmi, vale a dire il 98% degli imprenditori europei.

Tra le priorità indicate nel memorandum tanti gli aspetti che stanno a cuore ai piccoli imprenditori: dall’accesso al credito per innovare e investire alla presenza sui mercati internazionali, dalla digitalizzazione al reperimento di manodopera qualificata – una necessità comune a gran parte del tessuto imprenditoriale europeo, e che può essere soddisfatta migliorando l’apprendimento delle conoscenze e delle competenze professionali.

Nel decalogo si chiede anche una vera implementazione del mercato comune, partendo dal presupposto che “le regole attuali non sono sufficientemente applicate e fatte rispettare.” Le differenze tra gli Stati membri si traducono infatti in ulteriori ostacoli in ingresso per le Pmi.

Vogliamo – sottolinea Crosetto – un’Europa che valorizzi le nostre imprese attraverso gli investimenti in formazione, nel digitale, per consentirci di essere protagonisti dell’economia circolare. Tra i temi che ci stanno a cuore anche la tutela del “made in”, con una normativa che consenta la tracciabilità e la riconoscibilità della nostra qualità manifatturiera. Da parte della Commissione Ue che verrà eletta vogliamo un nuovo approccio a quel 98% di imprese che intendono continuare a produrre in un’Europa che le sostenga.

Leggi il memorandum completo sul sito di SmeUnited (in inglese).

Tag
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Hey, abbiamo notato che stai disattivando le pubblicità!

Per garantire la migliore esperienza utente e la massima serietà ai nostri sponsor il nostro sito può essere visualizzato solo dagli utenti che non utilizzano tecniche informatiche per evitare le pubblicità. Per favore, per procedere con la navigazione, considera di disattivare AdBlock.