NOTIZIE DAL MONDO Let’ s talk about cleaning
IN EVIDENZA
Appalti e “Sblocca cantieri“: sbagliato sottovalutare i servizi
News

Appalti e “Sblocca cantieri“: sbagliato sottovalutare i servizi

ANIP-Confindustria si dice favorevole al superamento dello stallo attuale del Codice degli appalti, ma ribadisce l’importanza dei servizi

Il decreto “sblocca cantieri” e la riforma del Codice degli Appalti sono pensati dal Governo come due provvedimenti complementari: il primo dovrebbe anticipare alcune norme contenute nella seconda – di cui sono stati approvati recentemente dieci disegni di legge delega – per velocizzare l’avvio di opere infrastrutturali attualmente bloccate in tutta Italia. Un intervento di semplificazione normativa molto atteso dai professionisti e dalle associazioni di categoria, ma le cui tempistiche risultano ancora incerte.

Sul tema si è pronunciata anche ANIP-Confindustria, facendo il punto con le proprie aziende in tema di appalti pubblici e ribadendo come non ci sia altro tempo da perdere. C’è preoccupazione, però, per l’eventualità che nella riforma siano trascurati i servizi, relegandoli ad opere accessorie.

I servizi sono opere di serie A, importanti per l’economia del Paese, sostenuti da una forza lavoro di circa 10,7 milioni di addetti. Il nostro appello, a tutti gli attori dell’industria dei servizi, è quello di prendere un’iniziativa congiunta affinché il governo possa ascoltare le nostre istanze e non si accumulino ulteriori ritardi nella revisione del Codice, e si capisca che la qualità della vita delle persone e dei lavoratori, di tutti i cittadini, è migliore se un Paese eroga servizi di qualità, nei tempi, nei modi e con i costi giusti. E non guardando al massimo profitto attraverso il massimo ribasso. Pratica che l’attuale normativa ancora non riesce a debellare – ha dichiarato in una nota Lorenzo Mattioli, il presidente di ANIP-Confindustria.

“Se la Tav Torino-Lione vale circa 2,3 miliardi, è bene ricordare che i servizi pubblici messi a bando dalla più grande gara in Europa riguardavano i servizi integrati e il facility Management (la gara Consip FM4 ancora bloccata) per un valore complessivo di 2,7 miliardi.Queste cifre servono a far comprendere come non si possa snobbare un mercato valutato intorno ai 40 miliardi di euro (ovvero la cifra che ogni anno spendono le impese – in particolare del manifatturiero – per acquistare servizi) e aspettare sine die le modifiche del Codice. Non avrebbe senso sbloccare opere e cantieri per costruzioni e manutenzioni e lasciare imbrigliate le imprese dei servizi in attesa di una perenne modifica del Codice dei contratti pubblici che, vogliamo ricordare, sin dal suo nome porta la dicitura ‘servizi’, insieme a quella di lavori e forniture”, conclude Mattioli.

Tag
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Hey, abbiamo notato che stai disattivando le pubblicità!

Per garantire la migliore esperienza utente e la massima serietà ai nostri sponsor il nostro sito può essere visualizzato solo dagli utenti che non utilizzano tecniche informatiche per evitare le pubblicità. Per favore, per procedere con la navigazione, considera di disattivare AdBlock.