NOTIZIE DAL MONDO Let’ s talk about cleaning
IN EVIDENZA
Appalti pulizie: sindacati protestano per il ritardo dei pagamenti alla stazione di La Spezia | Dimensione Pulito
News

Appalti pulizie: sindacati protestano per il ritardo dei pagamenti alla stazione di La Spezia

Filt Cgil e Uiltrasporti hanno minacciato lo sciopero di fronte ai ritardi dei pagamenti di Boni Spa e Manital, che si occupano della pulizia alla stazione del capoluogo di provincia ligure

I sindacati Filt Cgil e Uiltrasporti sono tornati a protestare per il mancato pagamento dei lavoratori delle società Manital e Boni Spa, che si occupano della pulizia della stazione di La Spezia Centrale e dei treni regionali Trenitalia.

“Con un avviso della società Boni Spa – scrivono le segreterie provinciali dei due sindacati in un comunicato congiunto – veniva annunciato ai lavoratori il ritardo dei pagamenti delle 14me mensilità; situazione ancora più grave per i lavoratori di Manital che, nonostante una comunicazione con un ritardo di corresponsione delle retribuzioni previsto per il 25 luglio, ad oggi non hanno ricevuto ancora lo stipendio”.

I sindacati attribuiscono le inadempienze ai ribassi con cui Trenitalia e Centostazioni (confluita in RFI) hanno affidato gli appalti alle società in questione, e chiedono di conseguenza alle committenze di farsi carico degli stipendi dei lavoratori.

La crisi del consorzio Manital – uno dei più grandi in Italia nel settore pulizie e multiservizi, con circa 10 mila addetti impiegati in appalti pubblici e privati – non riguarda soltanto la provincia di La Spezia, ma ha una rilevanza nazionale. Lo scorso 11 luglio hanno scioperato contro i ritardi nei pagamenti i lavoratori piemontesi, mentre la vertenza sembra ancora senza soluzione: secondo i sindacati sono state “parziali e insufficienti” le soluzioni avanzate al tavolo ministeriale dagli esponenti di Manitalidea e delle società consorziate, che si sono dette disponibili a pagare entro il 2 agosto gli stipendi arretrati agli addetti impiegati nelle scuole, e solo entro il 10 agosto ai lavoratori occupati negli altri appalti.

L’azienda attribuisce soprattutto ai ritardi dei pagamenti da parte dei ministeri: lo scorso 30 luglio l’assessore al Lavoro della Regione Piemonte, Elena Chiorino, ha scritto al Ministro Di Maio per sollecitare il pagamento dell’insoluto, che ammonterebbe a oltre 17 milioni di euro, di cui 11 milioni solo a carico del MIUR.

Tag
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Hey, abbiamo notato che stai disattivando le pubblicità!

Per garantire la migliore esperienza utente e la massima serietà ai nostri sponsor il nostro sito può essere visualizzato solo dagli utenti che non utilizzano tecniche informatiche per evitare le pubblicità. Per favore, per procedere con la navigazione, considera di disattivare AdBlock.