NOTIZIE DAL MONDO Let’ s talk about cleaning
IN EVIDENZA
Aiuto sta arrivando l’Auditor, è tutto pronto?
Igiene e Ambiente

Aiuto sta arrivando l’Auditor, è tutto pronto?

L’ansia da audit è ormai ben conosciuta dalle aziende di disinfestazione, che oltre alle proprie certificazioni devono partecipare anche a quelle delle aziende per le quali prestano servizio.

Per fortuna o purtroppo le leggi in merito sono in continuo mutamento e aggiornamento, la documentazione di servizio inerente il pest management all’interno delle aziende della filiera agro-alimentare subisce cambiamenti, proprio per questo bisogna prestare la massima attenzione a quello che si prepara e a quel che si scrive. In molti casi il servizio erogato dalle aziende di pest control è eccellente, ma la documentazione prodotta è oggetto di non conformità in sede di verifica. La cosa è resa ancora meno agevole perché ad esempio nella BRC, non troviamo esplicitato il documento esatto da produrre o un facsimile da adottare, ma ci vengono date le indicazioni generali e viene detto che devono essere tracciabili tutte le informazioni per cui si risponde ai requisiti stabiliti nei vari punti della norma. Non è per niente facile produrre tutta questa parte documentale e neanche tenerla sempre perfettamente aggiornata e in ordine.

Un esempio pratico: la gestione degli infestanti deve essere seguita da personale competente appartenente a un’azienda esterna abilitata all’esercizio dell’attività di disinfestazione, derattizzazione e sanificazione oppure appartenente al sito (quindi personale interno) adeguatamente formato. 

Ci sembra di sentire i vostri pensieri, quando vi chiedono “Mi fa vedere il programma di formazione?” e tutti voi l’avete ne siamo certi, ma nella vostra azienda, incluso nella documentazione della UNI EN 9001:2015, non tutti hanno consegnato alla suddetta azienda X una copia di questa famigerata cartellina con i nominativi di chi è lì impiegato e il relativo programma di formazione, mantenendola costantemente aggiornata. E quando vi chiedono: “Mi può spiegare in che modo ha strutturato l’analisi del rischio?” e tutti voi sicuramente l’avete fatto nella vostra testa, ma magari non lo avete riportato in forma scritta e consegnato alla suddetta azienda X. È evidente che diventa sempre più importante essere supportati in questo groviglio burocratico, essere aggiornati ed essere incoraggiati, perché a volte – non si può negare – ci si scoraggia davanti a una burocrazia che appesantisce il lavoro quotidiano ordinario, che già di per sé aumenta il ritmo e pretende standard di esecuzione sempre più alti.

A nostro avviso è utile attivare un dialogo che ci tenga sempre al passo con i tempi e con gli aggiornamenti normativi avvalendosi di un partner che vi aiuti a tradurre le richieste e di opzioni pronte da mettere in campo. In questi ultimi anni I.N.D.I.A. ha intrapreso una direzione coerente con quest’ottica, all’insegna della conoscenza, consapevolezza e condivisione, ricercando modelli di business che interpretino al meglio le sfide che si devono necessariamente cogliere, per questo proponiamo un corso pragmatico incentrato sugli standard di adozione volontaria: come leggerli, come adempiere alle richieste,e, in fin dei conti, come sopravvivere alla burocrazia.

Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Hey, abbiamo notato che stai disattivando le pubblicità!

Per garantire la migliore esperienza utente e la massima serietà ai nostri sponsor il nostro sito può essere visualizzato solo dagli utenti che non utilizzano tecniche informatiche per evitare le pubblicità. Per favore, per procedere con la navigazione, considera di disattivare AdBlock.