NOTIZIE DAL MONDO Let’ s talk about cleaning
IN EVIDENZA
Igiene e controllo | Dimensione Pulito
MercatoAziende & Prodotti

Igiene e controllo

Come verificare la presenza e la concentrazione di organismi patogeni nelle aree ad alto rischio nei settori sanitario, farmaceutico o ancora, in ambito alimentare?

Kikkoman ha sviluppato un innovativo test per il monitoraggio dell’igiene, che offre un rilevamento e una sensibilità più elevati: la tecnologia brevettata “A3” ha dimostrato di individuare residui e microorganismi là dove altri sistemi falliscono.

In generale, iI bioluminometro è uno strumentino portatile che consente di verificare istantaneamente la contaminazione microbica su una superficie o in un liquido, per mezzo di una reazione di bioluminescenza.

II bioluminometro raccoglie un segnale luminoso emesso da un tampone che è stato strisciato sulla superficie o inserito nel liquido da esaminare. Il tampone assorbe I’ATP, una molecola presente in tutti gli organismi con metabolismo, che reagisce con il mix di reagenti presente sul tampone stesso (luciferina e luciferasi). La reazione che si sviluppa porta alla produzione di luce, la cui intensità viene misurata dal bioluminometro e convertita in un numero sul display. Maggiore è la contaminazione microbica, maggiore è la quantità di ATP e quindi il valore indicato dal bioluminometro.

 A3 – Chimica all‘avanguardia

Sia che la contaminazione derivi da biofilm, da batteri o da fluidi corporei, l‘analisi ATP è un test universalmente riconosciuto per la verifica dei protocolli di pulizia. Nonostante questo, l‘ATP può essere instabile e degradare in ADP e AMP. I bioluminometri che rilevano solamente l‘ATP non offrono un quadro completo e potrebbero dare ingannevoli risultati negativi. La tecnologia utilizzata dal Lumitester con i tamponcini Lucipac A3 individua ATP+ADP+AMP garantendo maggiore affidabilità. 

Che cosa significano le sigle ATP, ADP e AMP?

ATP (adenosina trifosfato) è la principale molecola coinvolta nel metabolismo degli organismi viventi. ADP (adenosina difosfato) e AMP (adenosina monofosfato) sono generate dai processi di degradazione dell’ATP, quali ad esempio il trattamento termico e la fermentazione.

 

www.kairosafe.it

Tag
Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Hey, abbiamo notato che stai disattivando le pubblicità!

Per garantire la migliore esperienza utente e la massima serietà ai nostri sponsor il nostro sito può essere visualizzato solo dagli utenti che non utilizzano tecniche informatiche per evitare le pubblicità. Per favore, per procedere con la navigazione, considera di disattivare AdBlock.