News

Impennata dei costi delle materie prime e dell’energia: ecco la “ricetta” del governo!

A colloquio con il senatore Gilberto Pichetto Fratin, viceministro dello Sviluppo Economico

di Maurizio Pedrini, giornalista di settore e direttore tecnico di Dimensione Pulito

“Abbiamo pensato e messo in campo – afferma il Viceministro – tutta una serie di interventi mirati e puntuali, di breve periodo, con l’obiettivo di sostenere sia le imprese che le famiglie italiane. Le aziende saranno aiutate tramite modifiche fiscali e con una serie di provvedimenti contenuti nella legge di Bilancio. Importanti le azioni strutturali previste dal contratto del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza stipulato con l’UE, che ci impone di realizzare numerose riforme, per poter beneficiare dei fondi messi a nostra disposizione attraverso le formule del prestito e della sovvenzione.

L’Italia deve dotarsi al più presto di strutture essenziali, come l’ultra Banda larga, il 5G. Solo così potremo far parte del gruppo di testa delle economie più avanzate al mondo, altrimenti saremo rilegati a restare un Paese di seconda fascia, con 60 milioni di consumatori”.

                                                              

Tra un’agenda fitta fino all’inverosimile di appuntamenti e impegni, compresa la votazione in Senato del Disegno di Legge Zan contro l’omotransfobia, il senatore Gilberto Pichetto Fratin, Viceministro dello Sviluppo Economico riesce a trovare il tempo per riceverci nel suo studio al MiSE, nel palazzo di via Molise, 2 a Roma. L’argomento al centro dell’intervista è decisamente impegnativo e di stretta attualità: l’aumento esponenziale dei costi delle materie prime, l’enorme difficoltà di accedere ad esse e l’incremento pesantissimo della bolletta energetica. Un mix davvero preoccupante che oggi è al centro delle preoccupazioni e degli incubi degli industriali italiani del cleaning professionale, al pari di tutti gli altri. Prima di incalzare il nostro interlocutore con una fitta serie di domande, alle quali si sottopone volentieri, lo ringraziamo per averci dato udienza. 

Signor Viceministro, le materie prime sono diventate costosissime e introvabili: una Spada di Damocle che pende minacciosamente sulle nostre aziende. A suo parere, l’aumento dei costi delle stesse, con le relative grosse  difficoltà di reperirle sui mercato internazionali, rischia seriamente di compromettere lo sviluppo economico e la ripresa post-Pandemia delle nostre industrie?

In questa fase della vita economica e sociale italiana abbiamo di fronte due prospettive: la prima è quella di un sostanziale cambiamento a medio-lungo termine a livello tecnologico, perché la Pandemia ha modificato profondamente il nostro stile di vita. Durante il lockdown, le imprese, le famiglie e ciascuno di noi ha compiuto un salto di qualità accelerando i tempi. Così un processo di transizione la cui durata  era stata calcolata dagli analisti nell’arco di tre-cinque anni, prima di questo tragico evento, ha subito una brusca impennata, con inevitabili conseguenze. L’altra chiave di lettura della situazione che stiamo vivendo è quella di una congiuntura economica particolarmente difficile, in quanto il post-Pandemia ci ha consegnato un mondo diverso, che non ha ancora raggiunto un sano equilibrio. Tutto ciò si ripercuote a livello economico globale con fenomeni complessi, come quello – appunto – dell’aumento spropositato del costo delle materie prime e dell’energia. Per l’Italia, questo, è un problema particolarmente serio perché – come ben sappiamo – il nostro è un Paese che non dispone di materie prime né di centrali nucleari. Paghiamo un prezzo salato per la mancata autonomia energetica, che grava pesantemente sul sistema produttivo, con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti. La preoccupazione, anche da parte del Governo, è reale, perché il mix determinato dal simultaneo aumento del costo del gas e delle materie prime rischia di frenare la ripartenza in atto. Una ripresa – la nostra – che, come precisa la Nota di aggiornamento del Def, viaggia attualmente intorno al 6%. La linea di tendenza è comunque positiva e siamo fiduciosi che questo dato provvisorio possa essere superato. Però non siamo ancora in grado di stabilire se si tratti di una vera e propria ripresa economica, a tutti gli effetti, oppure semplicemente di un rimbalzo, dopo la pesante caduta dovuta alla Pandemia. Al di là delle valutazioni del momento, resta un incontrovertibile dato di fatto: una congiuntura così complicata, come quella che stiamo vivendo, non è risolvibile dal Governo di un singolo Stato, perché è internazionale e si ripercuote con effetto domino nei diversi Paesi delle economie avanzate.

Come lei evidenziava, il nostro Paese non dispone né di risorse energetiche, né di materie prime, dunque siamo particolarmente vulnerabili. In concreto, quali provvedimenti ha assunto o intende prendere il Governo per aiutare i produttori italiani ad affrontare questa delicata fase economica?

Le iniziative intraprese sono molteplici. Anzitutto, ci sono le azioni che il contratto del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza stipulato con l’UE ci impone di assumere, per poter beneficiare dei fondi messi a nostra disposizione attraverso le formule del prestito e della sovvenzione. È giusto, però, sottolineare che nello stesso accordo, scritto a chiare lettere, c’è un lungo elenco di riforme da realizzare, che siamo impegnati a mettere in atto per adeguare ai tempi e rendere più moderno il nostro Paese. Sono convinto che gli effetti di medio lungo periodo avranno conseguenze assai proficue sotto il duplice aspetto della qualità e della sicurezza degli investimenti. In particolare, potranno beneficiarne, con ricadute quasi immediate, le aziende che sapranno mettersi in gioco e rinnovarsi. Dall’altra parte, abbiamo pensato e messo in campo tutta una serie di interventi mirati e puntuali, di breve periodo, con l’obiettivo di sostenere sia le imprese che le famiglie italiane. Le aziende saranno aiutate tramite modifiche fiscali e con una serie di provvedimenti contenuti nella legge di Bilancio: proprio in questi giorni, per esempio, stiamo valutando la riduzione del cuneo fiscale, con effetti che possano incidere favorevolmente sull’economia di mercato. Per sostenere le famiglie, invece, agiremo utilizzando i criteri dell’ISEE, Indicatore della Situazione Economica Equivalente.

La nostra testata giornalistica e l’editore che la pubblica, danno voce al comparto produttivo del professional cleaning e settore farmaceutico che si trovano entrambi in difficoltà per l’aumento dei costi delle materie prime e della bolletta energetica. Recentemente Luca Iazzolino, presidente di Union Plast, Associazione delle aziende italiane di trasformazione, non ha escluso fermi impianto per carenza di materie prime: c’è da temere il peggio?

Certamente il disagio è notevole e investe trasversalmente tutte le imprese. Colpisce maggiormente quelle energivore, perché gli effetti dell’aumento del prezzo del gas e di alcune materie prime sono decisamente pesanti. Io, comunque, sono ottimista di natura e voglio credere che non si arrivi alla situazione paventata come estrema ratio dal presidente di Union Plast. Il Ministero dello Sviluppo Economico sta monitorando su diversi tavoli questa problematica situazione, per un’azione sempre più puntuale di sostegno alle imprese sul mercato. La questione che investe il settore plastico è certamente emblematica e costituisce uno degli esempi della complessità del momento: investe infatti sia il campo della chimica che quello della produzione energetica. Per affrontare efficacemente il problema vi è la necessità di intervenire su più fronti: dal cracking per arrivare al polipropilene, al polietilene, e quindi, al prodotto finito. Aggiungo un’ulteriore riflessione: dobbiamo tenere ben presente anche la questione delle normative UE che vanno ad incidere notevolmente sulle scelte presenti e future. Ricordo in particolare la Direttiva volta a prevenire e ridurre l’impatto sull’ambiente di determinati prodotti in plastica e a promuovere una graduale transizione verso l’economia circolare, introducendo un insieme di misure specifiche per i prodotti disciplinati dalla stessa, compreso il divieto sulle produzioni in plastica monouso ogni qualvolta siano disponibili alternative. Senza dimenticare quella che dal 2035 vieterà la produzione dei motori endotermici sulle auto: qualcuno potrebbe pensare che, in fondo, mancano ancora quattordici anni alla scadenza, ma in realtà quella data è dietro l’angolo. Le grandi imprese, a dire il vero, si stanno già attrezzando, ma le ripercussioni sull’intero produttivo italiano saranno molteplici, tutte assai importanti. Le conseguenze dell’impatto sulle piccole imprese produttrici di queste Direttive potrebbero essere devastanti. Pertanto sarà doveroso, da parte del Governo, fare tutto il possibile per accompagnare le aziende virtuose lungo questo insidioso percorso, aiutandole a rinnovarsi e formare il personale. Per tante altre, invece – uso un termine brutale – credo proprio che dovranno cambiare mestiere.

Come vede, a breve-medio termine, le possibilità  di sviluppo dell’industria italiana, alla luce delle prospettive delineate dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che dà ampio risalto alla digitalizzazione delle imprese e alla sostenibilità ambientale? In particolare, la transizione ecologica – come molti temono – potrebbe costare alle aziende “lacrime e sangue”, specialmente in termini di occupazione? 

L’Italia è un Paese che ha più volte dimostrato la straordinaria capacità di reazione del suo tessuto produttivo, una dote che forse non ha eguali al mondo. Purtroppo, siamo anche consapevoli che la struttura delle PMI è fragile e fa fatica a rapportarsi con il mercato globale, proprio perché costituita da una fitta rete di microimprese. Senza contare, inoltre,  che anche le aziende più grandi – considerate da noi di livello superiore – sono giudicate in ambito europeo di fascia intermedia. Vorrei ricordare comunque, che possiamo contare sempre su alcuni esclusivi punti di forza: nel settore manifatturiero, nella produzione di macchinari e nell’industria farmaceutica siamo ancora saldamente al vertice in Europa e vogliamo rimanere al primo posto. Nel comparto della plastica e del packaging vantiamo una leadership preziosa, che deve spingerci a guardare avanti con fiducia. In sostanza, disponiamo di tutta una serie di anticorpi in grado di dare positivi impulsi, ma sappiamo bene che, affinché le imprese siano in grado di reagire alla crisi, diventando ancor più competitive, dobbiamo aiutarle a diventare maggiormente tecnologizzate. Perciò il Governo varerà un pacchetto di misure ad hoc che, dopo il successo del Piano Industria 4.0, preveda stimoli concreti per aiutare al massimo le aziende italiane, entro i limiti di Bilancio. Gli incentivi dovranno riguardare sia la parte hard, relativa alla strumentazione tecnologica, che quella del capitale umano, per creare un’adeguata crescita culturale e professionale. La sfida che abbiamo davanti non prevede che le imprese acquistino solamente materiali e li lavorino per offrire prodotti finiti; investe infatti il personale, che dovrà essere sempre più scolarizzato, istruito e preparato ad affrontare con efficienza e flessibilità il mondo del lavoro. Il Governo pensa ad un Paese sempre più digitalizzato: non a caso la prima missione del PNRR si riferisce proprio alla digitalizzazione, perché l’Italia ha molto terreno da recuperare su questo fronte, trovandosi solo al venticinquesimo posto nella classifica mondiale dei Paesi più digitalizzati. Tutte le statistiche dicono che, solo se sei preparato, istruito e digitalizzato, oggi puoi produrre occupazione e benessere.

Quindi l’imperativo categorico per i nostri industriali è la fiducia, all’insegna di un cauto ottimismo, nella certezza che l’economia italiana è ancora forte e solida nel contesto europeo ed internazionale?

Sì, fiducia e piedi per terra. Non è più il momento di fare dei proclami, di pensare solo a vendere prodotti o di avere un approccio commerciale. Ogni categoria, branca di amministrazione, ogni corpo intermedio deve cogliere l’importanza del cambiamento, del grande sforzo richiesto agli italiani, a tutti i livelli. Il Governo Draghi è nato non solo per sconfiggere la pandemia ed evitare l’acuirsi della crisi economica e sociale, ma soprattutto per rilanciare e traghettare il Paese nella direzione dell’innovazione tecnologico-digitale e della sostenibilità ambientale. Ci sono sul tappeto una serie di delicate e vitali riforme da attuare, liberando il Paese dalle incrostazioni dell’inefficienza e della burocrazia accumulate nel tempo. L’Italia deve dotarsi al più presto di strutture essenziali, come l’ultra Banda larga, il 5G. Solo così potremo far parte del gruppo di testa delle economie più avanzate al mondo, altrimenti saremo rilegati a restare un Paese di seconda fascia, con 60 milioni di consumatori.

Guarda la videointervista completa!

 

Mostra di più

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker